off canvas menu

Horizon 2020: obiettivo raggiunto!

Settore delle trasmissioni di potenza: ecco il riduttore del futuro

Horizon 2020: obiettivo raggiunto!

L’azienda è pronta a realizzare il riduttore del futuro!

Grande soddisfazione in Varvel per il superamento della Fase 2 di Horizon 2020, il progetto europeo di finanziamento alla ricerca e all’innovazione promosso della Commissione Europea.

In oltre sessant’anni di attività, Varvel SpA non ha mai smesso di guardare al futuro: con audacia e costanza, la storica azienda bolognese specializzata nel settore delle trasmissioni di potenza si è sempre impegnata a raggiungere gli obiettivi che si è posta. E i risultati di questa tenacia sono stati premiati.

Varvel è stata una delle poche aziende in Italia a superare, con un eccellente risultato, la Fase 2 di Horizon 2020, il Programma Quadro Europeo per la Ricerca e l’Innovazione, con un budget stanziato superiore al milione di euro.

Pertanto, la Commissione Europea ha approvato e finanziato il progetto di un innovativo riduttore a vite senza fine in grado di funzionare senza manutenzione.
L’avveniristico riduttore smart, ideato nelle grandezze 28, 40 e 50, darà vita ad una soluzione senza precedenti in termini di efficienza, riduzione dell’impatto ambientale, risparmio energetico, sicurezza: un’innovazione potenzialmente in grado di aprire nuovi scenari nel settore della meccanica e delle trasmissioni di potenza.

L’iter è stato lungo e complesso: dall’idea iniziale, si è passati ad un mirato e approfondito studio di fattibilità e ad uno strutturato business plan, sviluppato con la preziosa partnership di Unindustria Bologna e di una società di consulenza spagnola, che ha permesso di superare la delicata Fase 2 del progetto. Nonostante fosse la prima partecipazione ad un bando europeo diretto, non è mancata a Varvel la capacità di crederci fermamente e fronteggiare questa sfida con entusiasmo.

Il superamento della Fase 2 di Horizon 2020 è un risultato che premia l’attività di ricerca condotta dall’azienda in maniera costante ed instancabile nel corso degli anni, per andare incontro e anticipare le esigenze di un mercato in continua evoluzione e raggiungere così standard qualitativi sempre più elevati e competitivi.
Varvel dà ancora una volta prova di essere una realtà produttiva di primo piano in Italia e nel mondo, come dimostra il processo di internalizzazione che ha portato il brand italiano in oltre sessanta Paesi in tutti i cinque continenti.

“Abbiamo creduto fin dall’inizio in questo progetto, profondamente convinti della sua enorme portata innovativa – dichiara Francesco Berselli Presidente di Varvel SpA – e proprio per questo motivo non abbiamo mai perso l’entusiasmo, nonostante le complessità. L’intera squadra ha lavorato al massimo delle proprie capacità per raggiungere questo obiettivo e adesso, grazie al lavoro di ciascun membro del team, siamo pronti a concretizzarlo”.
Dello stesso avviso Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA, che afferma: “Partecipare a progetti internazionali di ricerca è per noi uno stimolo al miglioramento in termini di ricerca e sviluppo, elemento che rappresenta una costante della filosofia imprenditoriale che ci caratterizza”.